lunedì 12 luglio 2010

Stop alle coperture in amianto con Eternit free

Sostituire le coperture in amianto con gli impianti fotovoltaici. Eternit free è la campagna lanciata da Legambiente e AzzeroCO2, per informare gli imprenditori sulle possibilità di smaltimento dell’eternit e di realizzare impianti per la produzione di energie rinnovabili.

Le richieste per ottenere gli incentivi statali previsti dal DM del 19 febbraio 2007 per lo smaltimento del cemento-amianto stentano a decollare, ma gli incentivi saranno disponobili solo fino a dicembre 2010. La carenza di informazioni su questo tema gioca un ruolo importante: la campagna Eternit free vuole informare gli imprenditori della possibilità di usufruire degli incentivi nazionali e locali.

La Provincia-pilota della campagna è Lecce: Legambiente ha raccolto i dati delle aziende del territorio con l’aiuto degli enti locali, di Confindustria e Confartigianato, per attuare un piano d’informazione personalizzato. Le aziende potranno scegliere se ricevere un supporto qualificato per investire le proprie risorse nella sostituzione delle coperture o se cedere il diritto di superficie a AzzeroCO2, per avere la bonifica gratuita e l’installazione dell’impianto.

Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente, ha dichiarato: “La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra rappresenta una priorità delle amministrazioni locali europee impegnate a dare il contributo per il raggiungimento degli obiettivi del  protocollo di Kyoto. Con il progetto Provincia Eternit Free contiamo di far conoscere l’occasione degli incentivi per attivare sul territorio un programma che coniughi la promozione delle fonti rinnovabili con la bonifica dell’amianto. Oltre a un concreto beneficio economico per le aziende, infatti, la sostituzione dell’eternit apporta indubbi vantaggi per la salute delle persone e per l’ambiente, tra i quali l’eliminazione delle sostanze pericolose contenute nell’amianto e la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, creando un circolo virtuoso tra amministrazioni locali, aziende e cittadini”.

Dalle stime di Legambiente risulta che se tutti gli imprenditori del territorio aderissero alla campagna sarebbe possibile produrre circa 25 MW fotovoltaici, con grossi benefici per la salute dei cittadini, per l’ambiente e per l’imprenditoria.

Per aderire all’iniziativa è necessario che:

  • venga realizzato un impianto fotovoltaico, di potenza nominale non inferiore ad 1kWp
  • l’impianto sia totalmente integrato
  • la superficie dell’impianto fotovoltaico sia inferiore o al massimo pari all’area di eternit e/o amianto bonificata, più un margine di tolleranza del 10%
  • l’intervento  comportarti lo smaltimento della totale superficie di eternit e/o amianto esistente
  • venga inviato il certificato di smaltimento dell’eternit e/o amianto rilasciato dall’Azienda Sanitaria Locale
  • vengano inviate le fotografie di dettaglio prima e dopo l’intervento.

4 commenti »

  1. PCs perform better, but rely on a more complex user interface in
    a more eccentric OS. They’re often traced to a corrupt or incompatible driver, or flaky software.
    Right now, there is a need for reliable computer services to ensure
    that computer users can maximize the capacity and capabilities of their computers and to avoid any problems.

    Comment by reviews — venerdì 22 novembre 2013 @ 09:28

  2. Does your blog have a contact page? I’m having a tough time locating it but, I’d like to shoot you an email.

    I’ve got some suggestions for your blog you might be interested
    in hearing. Either way, great site and I look forward to seeing it improve over time.

    Comment by London Accountant — venerdì 20 dicembre 2013 @ 00:11

  3. It’s wonderful that you are getting thoughts from this piece of writing as well as from our argument made at this place.

    Comment by Ad Agency — venerdì 14 marzo 2014 @ 10:50

  4. Marvelous, what a weblog it is! This website gives helpful information to us, keep
    it up.

    Comment by cabinet depth refrigerators — domenica 20 aprile 2014 @ 14:10

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento